Olio: le truffe nel settore valgono 100 milioni di Euro. Serve legge anticontraffazione

Stampa PDF
massimo gargano presidente unaprolRoma - “Occorre approvare al più presto in Parlamento la legge anticontraffazione dell’olio extra vergine di oliva” . Lo afferma Massimo  Gargano, presidente di Unaprol che plaude ai sequestri anche di oli e olive adulterati, effettuati dai Carabinieri dei Nas.
La sola contraffazione nel settore oleario italiano sfiora ogni anno i 100 milioni di Euro, secondo i dati del rapporto agromafie redatto da Coldiretti ed Eurispes. Unaprol ha intensificato ulteriormente l’azione di sensibilizzazione nei confronti dell’ultimo vertice di Europol all’Aja, durante il quale il direttore generale, Pietro Sandali, ha presentato un dossier anticontraffazione.
“Se fosse già in vigore la legge anticontraffazione dell’olio – ha aggiunto Gargano – questi prestigiatori sarebbero esclusi dal mercato e dai finanziamenti pubblici. Per questo motivo – ha poi concluso – lunedì a 15 a Bari, nella terra dell’olio per antonomasia, terremo un vertice con i produttori e la buona rappresentanza delle forze politiche, per stanare i nemici della trasparenza e per sostenere l’azione legislativa del Parlamento perché prima della fine della legislatura trasformi in legge il disegno di legge anticontraffazione bipartisan DDL 3211 Mongiello – Scarpa”.






Siete qui:   HomeNotizieOlio: le truffe nel settore valgono 100 milioni di Euro. Serve legge anticontraffazione