CETA: Granieri (Unaprol), “bene comitato interparlamentare. Alza livello di controllo”

Giovedì 03 Agosto 2017 11:49
Stampa PDF
UE CANADARoma – “La costituzione del comitato interparlamentare noCETA è cosa buona e giusta”. Lo dichiara il presidente di Unaprol David Granieri che plaude all’iniziativa dei singoli parlamentari e delle forze politiche che hanno costituito questo gruppo di pressione politica per arginare gli effetti di un accordo sovrannazionale che, afferma ancora Granieri: “non tutela tutti i prodotti made in Italy alla stessa maniera e non è stato pensato per salvaguardare  i migliori interessi di tutti i produttori olivicoli italiani”.
L’auspicio è che questo comitato interparlamentare possa esercitare una forza di contrasto politico molto determinata perché l’accordo CETA (Comprehensive Economic and Trade Agreement) tra Europa e Canada, ha poi aggiunto, crea confusione tra i consumatori che avranno più difficoltà a distinguere i prodotti originali da quelli con nomi simili agli originali e che evocano anche una certa italianità nell’etichettatura. “Non si può pretendere di viaggiare sul vettore della globalizzazione, ha concluso il presidente di Unaprol,  pretendendo che il conto lo paghino le imprese italiane”.





Siete qui:   HomeStampaComunicati StampaCETA: Granieri (Unaprol), “bene comitato interparlamentare. Alza livello di controllo”