Da joint venture pubblico privato, successo per contratto di filiera Mipaaf, ISA, Unaprol

Mercoledì 06 Maggio 2015 10:51
Stampa PDF
IMG 6943Milano – Produce buoni frutti il contratto di filiera dell’olivicoltura italiana. Il punto sulla situazione a quattro anni dalla sua firma nel corso di Tuttofood a Milano. Si tratta del primo esperimento realizzato in Italia grazie al gioco di squadra messo in campo da Ministero delle Politiche Agricole, l’ISA, l’Istituto per lo Sviluppo Agroalimentare e l’Unaprol – consorzio olivicolo italiano. Positivi anche i giudizi sul funzionamento del modello di accordo che ha visto la collaborazione tra pubblico e privato spingersi in più settori del comparto olivicolo.
Nello specifico il progetto integrato per la filiera Olivicolo – Olearia di Unaprol è stato finalizzato a realizzare una forte azione sinergica all’intero della filiera per raggiungere alcuni obiettivi. Tra questi: innovare prodotti e processi produttivi; promuovere e valorizzare l’olio di oliva di livello qualitativo certo; razionalizzare la filiera con lo sviluppo della logistica commerciale per qualificare il packaging e la distribuzione; intraprendere un’adeguata attività di pubblicizzazione. Altri obiettivi specifici del progetto si concretizzano in: produrre olive attraverso l’innovazione dei metodi di coltivazione sviluppando la meccanizzazione della potatura; sviluppare le produzioni biologiche; promuovere la certificazione del prodotto e di processo assicurando la tracciabilità dello stesso; favorire la valorizzazione dell’olio extravergine di oliva sui mercati nazionali ed esteri attraverso azioni di promozione del prodotto finito; introdurre sistemi di controllo di processo e di prodotto e relative certificazioni, inclusa la formazione degli addetti. L’intero programma di investimenti del contratto di filiera Unaprol ha rappresentato un investimento totale di oltre: 11 milioni di € suddiviso in: azioni a carattere verticale con aiuti agli investimenti nelle aziende agricole e nel settore della trasformazione e della commercializzazione; ed azioni a carattere orizzontale per la creazione di sistemi di controllo; ricerche di mercato; certificazione della qualità; organizzazione e partecipazione a fiere e mostre; spese per l’iscrizione di certificazione biologica nonché sostegni alla ricerca della pubblicità di prodotti agricoli. A beneficiare un pool di aziende agricole, imprese di trasformazione e commercializzazione con investimenti realizzati direttamente in Puglia, Lazio, Umbria, Toscana e Abruzzo. Regione, notoriamente a prevalente indirizzo olivicolo- oleario.

 

Milano, 6 maggio ’15

 

 

 

 








iPhoto-iconTUTTOFOOD
PHOTO GALLERY
Siete qui:   HomeTUTTOFOOD MilanoTUTTOFOOD 2015 Da joint venture pubblico privato, successo per contratto di filiera Mipaaf, ISA, Unaprol